I funghi di SuperMario scarseggiano

Non capisco, davvero non capisco, cosa spinga le persone a pensare che io sarò lì per loro in eterno a prescindere dal loro comportamento, dalle loro azioni, dal loro atteggiamento. Sono una persona palesemente selettiva, che segue criteri personali e che una volta scelto si prodiga in maniera estensiva e in modo molto rassicurante. Ok, ma quando o perchè induco a pensare che questo mio agire sia qualcosa di acquisito una volta accordato? Forse perchè continuo a ripetere sempre che il dare, dare, dà o forse perchè sono particolarmente bravo a raschiare nel fondo del barile altrui le altrui ultime forze di volontà per rimetterle in piedi? D’accordo anche su questo. Però non mi pare mai di avere detto che se il dare, dare, dà in culo io me lo sarei tenuto. Sono comprensivo a dispetto di quello che cerco di apparire, ma non sono una spianata su cui scivola tutto addosso, anzi, sono schiavo di questa memoria elefantina che mi costringe a non poter dimenticare praticamente nulla di ciò che entra a contatto con la mia sfera sensoriale. Croce e delizia, non c’è che dire. Sono rassicurante, calmante… comunque non mi sembra siano concetti che rimandino al concetto di immobilità o di imperturbabilità. Notizia flash: anche io sono un essere umano, sento e penso.
Tornando al discorso principale: è come se avessi una sorta di cassetto in cui tengo le vite delle persone, ma non nel senso che io abbia potere in alcun modo sulle persone, con le vite intendo tipo quelle dei videogiochi, qualcosa come Super Mario: quando inizi a giocare hai qualche vita ma è tutto piuttosto semplice, poi, in relazione a quanto ti concentri e al livello crescente della situazione, accumuli vite, qualcuna la perdi. Poi, generalmente, arriva quel momento malefico in cui hai accumulato tantissime vite e ti distrai, “c’ho na cifra de vite”  – ti dici, ti adagi, ti senti come una sorta di Dio strafottente ma il gioco ti frega; arriva quel maledetto livello pieno di salti e di cose che roteano ritmicamente (snervanti) e, preso dal tuo attimo di superomismo videoludico, sottovaluti palesemente la questione, cominci a perdere vite a rotta di collo e ti ritrovi improvvisamente con quelle 1-2 vite e inizi a stringere le chiappe per non perdere la cacca ma, ahimè, sei talmente concentrato a serrare le natiche e a cercare di capire come sia stato possibile spingerti fino a quel punto, che ti ritrovi a perdere quelle ultime, preziose, vite come se non avessi mai giocato a quel gioco in vita tua, da emerita pippa patentata. Ecco, questo è quanto. Il livello del gioco è diventato più complicato, devi essere più bravo e più concentrato, le vite scarseggiano e il gioco vuole nuovi giocatori. E’ arrivato, doveva arrivare prima o poi, ne arriveranno altri, un enorme e colorato GAME OVER. Con tanto di musichetta di merda composta da una persona repressa che gode nel sapere che il suo motivetto è legato alla fine del divertimento e delle speranze delle persone.
Francamente parlando, non ci vuole molto a tenermi vicino: basta avere rispetto di se stessi, rispetto di me e coscienza che l’amicizia è un rapporto che si basa sul reciproco scambio volto alla crescita comune e che non esiste mai una valutazione dell’apporto del singolo ma solo una valutazione di dove si è partiti insieme e dove si è arrivati insieme. è molto più facile di quello che sembra, basta metterci buona volontà. Se uno tira e l’altro spinge non si va da nessuna parte, o quantomeno ci si va piano e male. La volontà sembra essere diventata merce rara e io sempre più mi convinco che la mia Fortuna è figlia unica della mia volontà ferrea.

Annunci

"La felicità è vera solo se condivisa."

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...